La Calabria delle Liste: le 5 più belle strofe di canzoni scritte da calabresi

Guarda quei petali strappali e grida
Se ama o non ama è comunque diverso
Né il cuore più muto né un’anima sorda
Nessuno è capace di leggerti dentro
Quando ti stringo si spiega il mio cielo
Nudo di gioia e grandine argento
Fermo il respiro chiudendo la porta
(“Spiagge Lontane”, 2004, Sergio Cammariere)

Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca
Chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori
Chi legge la mano, chi regna sovrano
Chi suda, chi lotta, chi mangia una volta
Chi gli manca la casa, chi vive da solo
Chi prende assai poco, chi gioca col fuoco
Chi vive in Calabria, chi vive d'amore
Chi ha fatto la guerra, chi prende il sessanta
Chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro
Na na na na na na na na na na
(“Ma il cielo è sempre più blu”, 1975, Rino Gaetano)

Un giorno la incontrai sola, sola
il cuore mi batteva a mille all'ora
quando gli dissi che la volevo amare
mi diede un bacio e l'amor sbocciò
Marina, Marina, Marina
ti voglio al più presto sposar
Oh mia bella mora no non mi lasciare
non mi devi rovinare oh no, no, no, no, no...
(“Marina”, 1959, Rocco Granata)

E ci avete fatto super-autostrati
Longhi e larghe quarantamila metri
Ma perché mai l'avete poi asfaltati?
Per non poter piantare le patati!
Ma non per noi,
Perché noi non abbiamo bisogno di mangiare
Ma per mandarle al Nord!
Perché noi non abbiamo bisogno di niente
Perché qua se campa d'aria
Qua se campa d'aria
(“Qua si campa d'aria”, 1974, Otello Profazio)

When the stars make you drool just like a pasta e fasul
That's amore
When you dance down the street with a cloud at your feet
You're in love
When you walk in a dream but you know you're not dreaming signore
Scusami, but you see, back in old Napoli
That's amore
(“That's amore”, 1953, Harry Warren, nato Salvatore Antonio Guaragna)

09:45 / by / 0 Comments