Passione e ricerca enologica dietro l'etichetta dei vini Librandi

I nostri vini sono ambasciatori della nostra terra e della nostra cultura, idee che trovano la loro realizzazione nei nostri vigneti e nella dedizione che mettiamo nel coltivarli. Rispecchiano la generosità di questa terra in cui mare e montagna quasi si toccano generando una grande biodiversità. Puntiamo tutto sulla qualità, sia in vigna che in cantina, e sulla ricerca e sperimentazione.
Nicodemo Librandi


Cirò Marina è affacciata sul mar Ionio, con i suoi vigneti collinari e pianeggianti, perfettamente incastonati nella macchia mediterranea. Da questo paesaggio unico, l'azienda Librandi trae, da sempre, ispirazione per la produzione dei suoi eccellenti vini, in una zona della Calabria vocata, fin dall'antichità, alla coltivazione della vite. Una terra di vigneti che incontra una storia fatta di valori, radici e voglia di aprirsi al mondo. E' lì che la famiglia Librandi coltiva la vite da quattro generazioni ed è lì che, negli anni ‘50, decide di allargare le attività organizzandosi per l’imbottigliamento, la conservazione e la commercializzazione del vino. La storia del vino Cirò ha inizio in un tempo lontano, quando i vini di Cremissa (il nome di Cirò nell'antichità) raggiunsero presto una grande notorietà commerciale e la loro qualità era tale da vederli offrire in premio agli atleti che ritornavano vittoriosi dalle Olimpiadi, come il grande atleta Milone di Crotone. Da quel momento la cultura del vino diventò parte integrante della storia di quest'angolo di Calabria.
L'azienda è da sempre a gestione esclusivamente familiare: guidata fino al 2012 dai fratelli fondatori Antonio e Nicodemo Librandi, oggi, dopo la scomparsa di Antonio, l’azienda è condotta da Nicodemo, Raffaele, Paolo, Francesco e Teresa Librandi. Una scelta importante che vede i Librandi impegnati in prima linea in tutte le attività dell’azienda: dalla gestione dei vigneti alla commercializzazione.
L’attività di imbottigliamento dei vini a base Gaglioppo e Greco Bianco ha inizio nel 1953 nella piccola cantina di via Tirone. Due anni più tardi il primo step di un processo di espansione importante: l’acquisto nel 1955 dell'azienda Ponta nell’omonima località, all’interno della Doc Cirò. Nel 1975, sotto la spinta della crescita commerciale e necessitando di maggiori spazi, la famiglia inaugura il nuovo stabilimento produttivo in Contrada San Gennaro dove, ancora oggi, ha sede la Cantina. Il 1985 è un anno importante: fa il suo debutto uno dei vini simbolo dell’azienda, il Duca Sanfelice Cirò Rosso Riserva (annata 1983), mentre nel 1988 dopo l'acquisto dell'azienda Arcidiaconato, a Strongoli, escono le prime annate di Gravello, Critone e Terre Lontane, tre vini che hanno fatto la storia dell’azienda. Nel 1997 la famiglia acquista l'azienda Rosaneti e sceglie di insistere con forza sui vitigni autoctoni. Nel 1998 esce la prima annata di Magno Megonio (la 1995), prodotto soltanto in versione magnum. Nel 2003 viene presentata la prima annata di Efeso (la 2011); nel 2005 entrano in commercio i Melissa Doc con il marchio Asylia e l’olio Evo; nel 2007 vengono imbottigliati i primi due spumanti metodo classico, Rosaneti e Almaneti.
Ogni anno, oltre alle uve di propria produzione, l'azienda si avvale di uve di qualità provenienti esclusivamente dalla zona DOC di Cirò. Per incentivare questo forte legame tra l'azienda ed i fornitori, altamente selezionati, nel 2008 è stata istituita l’associazione “I Vignaioli del Cirò” che ad oggi vanta 42 membri. Ad oggi l’azienda imbottiglia e commercializza circa 2.500.000 bottiglie di vino e 25.000 di olio all'anno, con una distribuzione rivolta essenzialmente a ristoranti, enoteche e locali specializzati. Per gli appassionati ed i curiosi è possibile effettuare la visita alle cantine e la degustazione dei vini previa prenotazione.

+info
Librandi Antonio & Nicodemo
S.S. 106 , C.da San Gennaro – Cirò Marina (KR)
Tel: +39 0962 31 518
Sito web: www.librandi.it
E-mail: librandi@librandi.it


08:25 / by / 0 Comments